Durezza dell’acciaio e stampaggio della gomma

Nel complesso mondo dello stampaggio della gomma, la durezza dell’acciaio svolge un ruolo fondamentale. Eppure, il suo ruolo è troppo spesso sottovalutato. Dal momento in cui la gomma incontra per la prima volta lo stampo, scorrendo tra i canali delle piastre, la durezza dell’acciaio non solo influisce sulla qualità complessiva del prodotto finale, ma influenza anche l’intero processo produttivo. In questo articolo ci addentreremo nell’affascinante regno della costruzione di stampi per darvi un’idea di come si svolge il nostro lavoro quotidiano: un mondo in cui la durezza dell’acciaio incontra la resilienza della gomma e in cui ogni singola impronta racconta una storia di durata, precisione ed massimizzazione del rapporto costo-efficacia.

 

Durezza dell’acciaio nello stampaggio della gomma: perché è importante

La durezza dell’acciaio svolge un ruolo cruciale nel processo di stampaggio degli articoli in gomma. Gli stampi in acciaio temprato, che di solito misurano da 38 a 45 sulla scala di durezza Rockwell, sono comunemente utilizzati nello stampaggio della gomma per la loro durata e longevità.

Come è noto, la scala di durezza Rockwell (vedi HRC) è una scala qualitativa ordinale basata sulla misurazione della profondità a cui un penetratore viene forzato da un carico pesante (maggiore), seguendo la sequenza di applicazione di carichi minori e maggiori (prove di indentazione), un processo ampiamente utilizzato per valutare la durezza dei materiali.

Nel processo di stampaggio della gomma si preferiscono stampi in acciaio temprato, in quanto in grado di sopportare la pressione e il calore necessari, garantendo una modellatura uniforme e accurata del materiale in gomma.

Ad esempio, nello stampaggio a compressione della gomma, i requisiti di forza di compressione, la scelta dello stampo adatto e la comprensione delle proprietà della temperatura della gomma sono tutti parametri essenziali da calcolare per uno stampaggio di successo. Durante lo stampaggio, il peso dello stampo in acciaio influisce sull’energia richiesta per lo stampaggio e, pertanto, cercare di ridurre il peso dello stampo il più possibile mantenendo l’integrità strutturale è fondamentale per il successo delle operazioni. Questa può rivelarsi una vera e propria sfida, poiché ogni progetto ha caratteristiche geometriche uniche e deve soddisfare esigenze di produzione specifiche per rispettare i requisiti del processo produttivo del cliente.

Di conseguenza, la progettazione dello stampo dovrebbe considerare fattori quali flessibilità, assorbimento delle vibrazioni, proprietà meccaniche, requisiti di pressione e disaccoppiamento termico per ottimizzare il processo di stampaggio e, ovviamente, i costi. Niente è lasciato al caso quando è in gioco la precisione.

Pertanto, la durezza dello stampo in acciaio utilizzato nello stampaggio della gomma influenza direttamente l’efficienza, la qualità, la precisione del processo di stampaggio e la durata dello stampo stesso, che deve resistere a numerosi cicli produttivi, garantendo sempre prodotti di alta qualità.

 

Perché non utilizzare acciaio > 50HRC allora?

Be’, perché, come per ogni cosa, c’è un prezzo da pagare: la durezza dell’acciaio, infatti, incide notevolmente sui costi in vari modi. Gli acciai più duri possono richiedere materiali e processi di produzione più costosi, poiché spesso comportano un contenuto di carbonio più elevato o elementi di lega aggiuntivi. Ciò comporta costi più elevati per grammo di materia prima. +60 HRC (come 64 o 68), ad esempio, sono piuttosto rari ed estremamente costosi, poiché implicano particolari tecniche di lavorazione della metallurgia delle polveri, senza contare che sono più difficili da mantenere e mettere a punto (come nel caso di rettifiche meccaniche). Sono più adatti per prodotti in cui è necessaria una minore quantità di acciaio, come i coltelli da cucina.

Ma non finisce qui. Indipendentemente dalle tecniche di metallurgia delle polveri, esistono altre tecniche per indurire una piastra di acciaio. Prendiamo, ad esempio, i processi di trattamento termico come la tempra e il rinvenimento. Sono spesso utilizzati per raggiungere livelli di durezza più elevati ma, d’altro canto, possono richiedere un consumo elevato di energia e richiedere un controllo preciso della temperatura e della velocità di raffreddamento. E stiamo solo parlando del processo metallurgico di produzione di lastre di acciaio temprato; non consideriamo i costi di lavorazione CNC di uno stampo personalizzato, che, nel nostro caso, costituiscono il passaggio successivo della catena di fornitura.

L’applicazione di trattamenti superficiali alle piastre di acciaio, come la cromatura, è un’altra pratica comune utilizzata per migliorarne la durezza, la resistenza all’usura e la resistenza alla corrosione, ma aumenta ulteriormente i costi di produzione. In futuro, però, approfondiremo i pro e i contro della cromatura.

In breve, maggiore è la durezza dell’acciaio, più lungo sarà il processo di produzione. Ciò porta a maggiori costi di manodopera ed energia.

Al contrario, gli acciai più teneri possono avere costi di materiale e produzione inferiori ma, d’altro canto, potrebbero non offrire lo stesso livello di resistenza all’usura e durata degli acciai più duri, per non parlare della precisione.

 

Conclusioni: tutta una questione di equilibrio

Quindi, in fin dei conti, potresti voler considerare attentamente la durezza dell’acciaio per bilanciare costi ed efficacia a lungo termine. Dovrai pensare ai lotti di produzione previsti da produrre, alle specifiche della pressa, ai costi di manutenzione, ecc.

Pertanto, selezionare la durezza dell’acciaio appropriata per una determinata applicazione è un’operazione delicata che implica una strategia specifica per bilanciare costi, prestazioni e durata.

Non possiamo fornire la risposta definitiva in un breve articolo di LinkedIn, poiché ogni caso è diverso e sono coinvolte molte variabili. Se hai un progetto in corso sul tuo tavolo, la prossima cosa che potresti voler fare è contattarci per un consiglio e un preventivo. Saremo pronti a servirvi al meglio, con un sorriso.

Non dimenticatevi di seguire la nostra pagina per non perdere i prossimi approfondimenti sulla realizzazione degli stampi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Post comment